Deutsch   twitter facebook

Welfare: politiche sociali e servizi alla persona

Il presente e il futuro richiedono di andare oltre! Passare produttori di servizi a soggetto plurimo che utilizza i servizi per attuare politiche di sviluppo e di welfare.

Negli ultimi anni si sono moltiplicate, a livello territoriale, le esperienze cooperative che, costituendosi, hanno ideato e promosso progetti, coniugando vocazioni imprenditoriali con risposte sociali a chi ha bisogno.

Oggi siamo chiamati giocare la partita della governance di sistema convinti che tenere insieme economia sociale, politiche del lavoro e politiche sociali sia divenuto irrinunciabile.

l nostro obiettivo è quello del "distretto economico sociale territoriale" quale approdo necessario per un welfare moderno e plurale. In un momento di profonda revisione dello Stato Sociale, la cooperazione sociale rivendica un ruolo attivo per la costruzione di un welfare nuovo, innovativo, sostenibile che agisca senza chiacchiere il principio di sussidiarietà.

Oggi la sfida della cooperazione consiste nel far comprendere alla politica e alle istituzioni che è venuto il momento di distinguere gli investimenti sociali dal mero finanziamento del sistema e di passare dal finanziamento delle strutture di offerta al finanziamento della domanda e delle risposte sociali.

Costruire comunità vive e responsabili nell’accompagnare le diverse età della vita dei propri cittadini e far riappropriare le persone della responsabilità del fare attraverso modelli di welfare mix.

Federsolidarietà promuove e chiede un welfare fondato sempre di più sui processi di “attivazione” dell’individuo, un active welfare state capace di mettere in moto processi di sviluppo dell’economia sociale territoriale.

L’obiettivo è “mettere il cittadino nelle condizioni di organizzarsi, di riappropriarsi dello stato sociale, do organizzare intraprese, per dare risposte sociali e di utilità collettiva ai bisogni emergenti.

Dopo la sbornia del Welfare solo pubblico efficace fino ad oggi ma non più sostenibile, la sfida culturale è partire e puntare su nuove generazioni.